5 cose che (forse) non sai di New York

empire state building

Stimolante, frizzante, caotica e sempre affascinante: non importa quante volte si è già visitata New York, ogni occasione è sempre buona per scoprire nuove, accattivanti, curiosità. Una città che non dorme mai e che, ad ogni angolo, cela dettagli originali e bizzarri, tutti da scoprire.
Ecco le 5 cose più curiose, e che probabilmente non sapevate di New York City.

Raffi Stepanian1. UN CERCATORE D’ORO, SUL MARCIAPIEDE
Guadagnare oltre 600 dollari a settimana, semplicemente sbirciando nei dintorni di un marciapiede della Grande Mela, alla ricerca di fortuna e oggetti preziosi?
A New York questo è realtà: a due passi dal Rockefeller Center, si nasconde, infatti, il Diamond District, una zona rinomata per ospitare il meglio in fatto di oggetti preziosi ed esclusivi. Proprio ai margini di questo lussuoso quartiere, è possibile scorgere un uomo, Raffi Stepanian, che ispeziona meticolosamente i bordi della strada e le fessure sul pavimento. Alla ricerca di cosa? È presto detto: armato di polistirolo, pinzette e di un piccolo coltellino da formaggio Raffi scova diamanti e perle accidentalmente cadute ai passanti ed a milioni di turisti che calcano le strade della Grande Mela.

 

Musicisti metro di new york2. AUDIZIONI PER I MUSICISTI DELLA METROPOLITANA NEWYORCHESE
E’ proprio così, suonare nella “subway” di New York non è da tutti. Sin dal 1985, infatti, l’Autorità dei Trasporti Metropolitani della City ha stabilito che venissero sostenute vere e proprie audizioni per poter intrattenere le migliaia di persone che ogni giorno formicolano tra corridoi e treni sotterranei.
I migliori musicisti, valutati da una commissione di esperti, possono ottenere un permesso di 2 settimane per dare vita a mega concerti nelle stazioni più frequentate, per un successo di pubblico anche maggiore rispetto ad un tutto esaurito al Madison Square Garden.

 

Empire State Building3. CODICE POSTALE, L’EMPIRE STATE BUILDING NE HA UNO TUTTO SUO
Quando dovrete spedire una lettera a New York e il codice di avviamento sarà il 10118 allora non ci sarà alcun dubbio che la vostra corrispondenza arriverà dritta all’Empire State Building, l’edificio che fino al 1967 ha detenuto il primato di grattacielo più alto del mondo.
L’idea di un codice univoco è motivata proprio dalla grande mole dell’Empire, e non è la sola costruzione che negli Stati Uniti può godere di questo privilegio. Tra gli altri edifici che vantano un codice postale personale figurano la Casa Bianca e il Dodger Stadium, lo stadio di Los Angeles teatro di emozionanti sfide di baseball.

 

Muro di Berlino a New York4. IL MURO DI BERLINO, SULLA 53a STRADA
Probabilmente molti di voi saranno transitati, per un gustosissimo hamburger, sulla 53^ strada, dove sorge uno dei 3 Burger Heaven della città, la catena chic&street new yorkese. Forse, però, non tutti avranno notato che parte dei muri a fianco del civico 520 di Madison Avenue sorge un cimelio rarissimo, simbolo di un passato lontano oltre 25 anni, ma indimenticabile, ovvero il Muro di Berlino. E’ così che, tra un boccone e l’altro al famoso Patty Melt Burger, sarà possibile ammirare, ancor meglio se comodamente seduti sui tavolini all’aperto, uno degli scorci più caratteristici del Muro.

 

Grand Central Terminal5. PARLARE ATTRAVERSO LE PARETI A GRAND CENTRAL TERMINAL
Non spaventatevi, qui i fantasmi non c’entrano: il segreto di questo strano e divertente effetto sonoro è da ascrivere all’acustica e alla struttura tecnologica delle gallerie di Grand Central Station. Per provare l’ebbrezza di parlare attraverso il muro basterà mettersi di fronte ad uno degli angoli delle architravi e sussurrare qualcosa. Come per magia, tutti i presenti all’altra estremità dello spazio sentiranno nitidamente tutto ciò che avete pronunciato, quindi, state bene attenti a quello che dite!

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Lascia un voto per prima/o)
Loading...

2 commenti su “5 cose che (forse) non sai di New York”

  1. Buona sera Carlo,

    la prossima settimana mi recherò con la famiglia a NEW York per una breve vacanza.

    Un componente è affetto da diabete mellito T1 da più di 40 anni.

    La mia domanda è molto semplice: se disgraziatamente dovessimo avere bisogno di recarci in ospedale per cure relative ad una patologia presente prima della partenza che come specificato, la Vs assicurazione non copre, a quali spese andremmo incontro?

    La ringrazio in anticipo per una cortese risposta.

    Saluti

    Milla

    1. Ciao Milla,
      purtroppo non so rispondere alla tua domanda. Non avendo conoscenze mediche, non so nemmeno quali complicazioni potrebbero derivare da tale tipo di malattia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.